Tabià Colmean: un Vecchio Fienile Convertito in un'Accogliente Abitazione

Tabià Colmean-1

Una stalla tipica delle zone alpine denominata Tabià è l’edificio originario dal quale deriva quella ristrutturazione. La tipologia strutturale di questo vecchio edificio, risalente all’inizio del XX secolo, è del tipo “a telaio”. Il terreno è in pendenza ed infatti il Tabià ha un basamento parzialmente interrato fatto da pareti in pietrame.

Il Tabià é stato smontato e rimontato mantenendo la stessa tipologia strutturale e costruttiva, dove travi e pilastri lignei sono state puliti e riutilizzati con integrazione di alcuni elementi di recupero per mantenere una certa uniformità cromatica. Il basamento invece ha un’ossatura metallica con tamponamenti in laterizio rivestiti all’esterno con una controparete in pietra posata con poca malta di allettamento.

Tabià Colmean-4

Per mantenere la specificità del manufatto originario si è evitato di trasformare tutti i tamponamenti lignei in pareti cieche: quella permeabilità alla luce che dava il tavolato leggermente discostato delle facciate rivolte a sud ora é garantito da un sistema infisso/scuro apribile dove le assi degli scuri ripropongono queste spaziature. Le pareti vetrate propongono un nuovo dialogo con l’intorno.

A livello tipologico, viste le dimensioni ridotte del manufatto, si é scelto di avere un unico grande ambiente per ogni livello, mentre scale e locali tecnici ed accessori sono stati posti tra il castello centrale e le pareti cieche di nord. Alcune superfettazioni sono state eliminate e al livello seminterrato é stata data una nuova geometria con la stanza che si prolunga al di sotto della pavimentazione di ingresso.

Tabià Colmean-3

Tabià Colmean-2

La copertura é stata completamente rifatta, ma avendo cura di mantenere inalterato l’aspetto esterno: pur essendo un tetto ventilato, ciò che é a vista sono solo i travetti che reggono il tavolato in legno e il rivestimento metallico. Tutti gli elementi lignei (strutturali e di rivestimento) sono in legno di larice massiccio. Per la parti in pietra esterne é stato riutilizzato tutto il pietrame originario in porfido tranciato; per l’interno, sono state usate lastre di pietra dolomia.

[divider]

[space height=”20″]